Torniamo a parlare di azione in pista nel recap della settimana che andava dal 21 al 27 Ottobre.

F-Challenge, Round 3, Monza

L’avevamo prevista e alla fine la pioggia è arrivata. Prima delle qualifiche un acquazzone ha allagato la pista brianzola, andata poi ad asciugarsi con il passare delle sessioni.
Come spesso succede, le condizioni imprevedibili hanno mischiato le carte in tavola. In qualifica è stato Tiziano Aquilini il re dell’acqua della categoria PRO, con il tempo di 1.53.479. Alle sue spalle Tufariello e Zanotti, con il leader della classifica Molle solamente in decima posizione. Filippo Caneo e Stefan Albanese i poleman rispettivamente per le categorie PRO-AM e AM.

Il podio, categoria PRO

In gara, su un tracciato con condizioni miste, gli unici a partire su slick sono stati Iadicicco (PRO-AM), Ciacciolo e Peverati (AM).
Dopo alcuni giri è emersa la superiorità del passo delle gomme da asciutto, tanto che alcuni piloti hanno optato per effettuare la sosta, compreso il leader del campionato Molle. La scelta, tuttavia, si è presto rivelata sbagliata perché la mescola da bagnato è riuscita a reggere nonostante un asfalto in rapido miglioramento.
Vince così Aquilini, che dopo aver racimolato 10 punti nei primi due appuntamenti, ne aggiunge 25 al proprio bottino personale scalando la classifica. Aria di riscatto anche per Arduini, il quale, dopo il difficile weekend di Magny-Cours, è immediatamente riuscito a rialzare la testa chiudendo al secondo posto. Sul terzo gradino del podio Daniele Vella, che riduce a 4 il distacco dal compagno Michele Molle: una dichiarazione di guerra?

Il podio, categoria PRO-AM

Chi ha invece sfruttato al meglio le slick è stato Ciro Iadicicco: l’alfiere dei Naja, grazie alla coraggiosa scelta in partenza, si è aggiudicato il 3° round della categoria PRO-AM. Nulla ha potuto il poleman, Caneo, secondo al traguardo, davanti all’altra Naja di Varriale. Il pilota dei Ballas si può consolare con la leadership di 13 punti in classifica proprio sul vincitore dell’appuntamento di Monza. La categoria intermedia è forse la più aperta in termini di possibilità di vittoria finale, e lo sarebbe stato ancora di più se Alessio Carrino non avesse avuto problemi di connessione. Il pilota degli Absolute, per non causare problemi agli altri concorrenti, ha deciso di fare una scelta coraggiosa e ritirarsi. Per quanto possa essere di consolazione, un plauso da parte della redazione!

Il podio, categoria AM

Clamoroso invece quanto successo in AM. Se la vittoria di Albanese non è mai sembrata affatto in discussione in pista, lo è stata nel post-gara. La GD Corse #25 ha infatti terminato la propria corsa alla Parabolica nel giro di rientro per avere terminato la benzina, portando alla squalifica di Albanese.
Vince così Marco Intrieri, davanti a Zerbato e Alitta. I piloti a podio hanno ricucito il distacco dalla coppia in vetta Albanese-Ciacciolo, mantenendo viva un’affascinante lotta, che si prospetta all’ultimo sangue.

CICS Categoria PRO-AM, Round 2, Vallelunga


Gare asciutte per quanto riguarda il CICS, impegnato a Vallelunga con la categoria PRO-AM.
Riccardo Frigè (D2D) ha fermato il cronometro in 1.32.275 e nessuno è stato in grado di fare meglio di lui.
Dato interessante restituito dalla qualifica sono i 15 piloti nello spazio di un secondo, che hanno dato spettacolo nel corso delle due manche previste. La prima se l’è aggiudicata il poleman, precedendo Davide Zacco e Vincenzo Manenti (entrambi D2D). Solo quarto Massimo Carzaniga (BOX33), giunto a questo appuntamento con la leadership della classifica piloti.

L’inversione della griglia in Gara 2, come di consueto, ha consentito di mescolare un po’ le carte in tavola. Partito 2°, Luca Ranza (BOX33) ha approfittato al meglio del vantaggio di posizione, vincendo la gara con un convincente distacco di 10 secondi su Andrea Arnaboldi (BOX33) e Francesco Basilico (GD), che rivede la luce nella seconda gara dopo il buon weekend di Imola.
Il vincitore di Gara 1 Riccardo Frigè ha tagliato il traguardo in quarta posizione, chiudendo in bellezza l’appuntamento di Vallelunga, iniziato sotto la buona stella della pole position.

GT Challenge Silver, Round 1, Brands Hatch

Il vincitore, Amerigo Russo

Come a Monza per l’F-Challenge, anche a Brands Hatch la pioggia ha contraddistinto il primo appuntamento della categoria Silver. Un vero e proprio nubifragio quello abbattutosi sul tracciato, in continuità con quanto accaduto la settimana precedente per i piloti della Gold.
Il più bravo a galleggiare sulle pozzanghere inglesi è stato Amerigo Russo. Partito in pole, il pilota della Porsche ha dimostrato grande affinità con il bagnato e ha distaccato gli avversari sin dalle prime fasi di gara. Nicola Mura era infatti riuscito a prendersi la testa della corsa nelle fasi iniziali di gara con un bel sorpasso all’esterno, ma ha pagato caro un errore quando erano trascorsi una dozzina di minuti dall’inizio della gara. L’alfiere Audi si è consolato con la seconda posizione finale, precedendo la Lamborghini di Liuzzi.

About author
Valerio Ferraris

Valerio Ferraris

Direttore di gara e articolista su e-Racing Series.

Your email address will not be published. Required fields are marked *