Lamborghini ST-EVO: tre continenti, tre categorie, sei vincitori, premi straordinari, grandi simdrivers, grandi team, tutto questo è ST-EVO by E-Racing Series.

RECAP ROUND 2

AMERICA

Road America è un autodromo situato vicino a Elkhart Lake, nel Wisconsin. Road America è uno dei pochi autodromi al mondo che conserva ancora il suo tracciato originale di 6,515 km (4,048 miglia) di lunghezza con quattordici curve. Esso è caratterizzato da parecchi saliscendi e da un rettilineo principale dove si possono superare i 300 km/h di velocità di punta. Tra i punti caratteristici del tracciato vi è la curva “The Kink”, una veloce e pericolosa piega a destra posta su un dosso situato nella zona ovest del circuito, priva di via di fuga.

Paolo Muià (Racing ON3)

Muià dominatore in PRO, sfida a quattro per la PRO-AM, grande lotta e sorprese nella AM.

CATEGORIA PRO: Muià assoluto protagonista era l’assoluto protagonista del ROUND 3, la sua Lamborghini “griffata” Racing ON3 dominava entrambe le qualifiche e le due gare, lasciando poco spazio e scampo agli avversari, davvero un dominio totale. Dietro lui Laurito (Samsung MorningStars) cercava di contenere i “danni” e faceva quel che poteva di fronte a un Muià versione “HammerTime”, ma doveva presto alzare bandiera bianca; bene però la seconda posizione di G1 dopo la partenza dalla terza piazzola della griglia. Terzo posto in G1 era per Morelli (Italia Racing Team); mentre in G2 per Ponzo [Italia Racing Team] (partiva quarto) buon risultato per il team con le loro Lamborghini entrambe a podio nelle due gare. Road America si dimostrava un ottimo circuito per le Lamborghini ST-EVO.

CATEGORIA PRO-AM:  In questa categoria erano protagonisti di entrambe le gare e le qualifiche i soliti protagonisti, Barbosa (BOX33) e Schiavini (Deko Motor Sport) si dividevano le vittorie, mentre Galbiati (Freem K32 Racing) molto costante portava a casa due ottimi secondi posti. Lanfranchi (Ornitorico Corse) si issava al terzo gradino del podio in gara 1 dopo una gara altalenante. Le vittorie di Barbosa e Schiavini erano pressoché identiche nella forma, ovvero gare abbastanza tranquille e ben portate a termine, il “pirata” Barbosa era protagonista di una super rimonta in G2 che lo ha portato al podio di categoria. Round da dimenticare per Saladdino (VIG Project Racing Team), complici anche vari contatti durante la gara, soprattutto quello in partenza di gara 1.

CATEGORIA AM: Categoria molto combattuta, dove a ogni gara si evolvono situazioni diverse di classifica e dove soprattutto le qualifiche non rispecchiano realmente i valori in campo, dando “brio” alla contesa. Gara 1 è stata vinta da Davide Losio (Ghepardino Racing Team), su Casalena e Menesello (Apex Racing Team), i tre autori di una grande lotta soprattutto con quest’ultimo che dal fondo della classifica è risalito fino al podio di categoria. La chiave di G1 è stata a metà gara anche per merito dei pit stop che ha permesso poi di delineare le posizioni finali. In Gara 2 invece ancora altre sorprese, la vittoria va a Rollo (Race4Fun) davanti ad Alberti (D2D Racing Team), terzo chiudeva Tesi.

ASIA

Daniele Pasquali (Samsung MorningStars)

Pasquali vs Losio vs Presenti in PRO. Ragusa vs Del Pero con un constante Mariotti in PRO-AM. Grande “bagarre” in AM con Mura e Canzi protagonisti.

Il circuito di Suzuka è uno degli autodromi più importanti e originali al mondo, grazie ad alcune caratteristiche che l’hanno reso inconfondibile. Lungo 5807 m, il tracciato giapponese è uno dei più spettacolari e tecnici grazie alla varietà delle sue curve (si passa da tornanti come l’Hairpin a curvoni veloci come la 130R), infatti è sempre stato amato dai piloti che vi hanno corso. Questa pista è inoltre l’unica nella storia (in particolare della F1) ad avere una conformazione ad 8, ovvero con un sottopasso e relativo cavalcavia. Nonostante la bellezza del tracciato, a Suzuka è sempre stato problematico compiere sorpassi.

CATEGORIA PRO: Sono tre i protagonisti di questo ROUND: Luca Losio (Ghepardino Racing Team), Pasquali (Samsung MorningStars) e Presenti (Samsung MorningStars), qualifiche e gara all’insegna di questi tre simdrivers. In gara uno era il poleman Losio a fare flag to flag senza particolari problemi, la stessa cosa per Pasquali, una gara abbastanza piatta per quanto riguarda le prime due posizioni. Presenti in G1 tiene saldamente il podio per cederlo momentaneamente a Ragusa (The Rollovers) per via dei PIT-STOP, per riprenderselo poco dopo e portarlo a casa. Il copione in G2 non cambia, stavolta il poleman era Pasquali che “ripercorre” esattamente la gara di Losio precedente; Presenti stavolta rimane pressochè sempre terzo, “rimontina” per Losio fino al secondo posto, probabilmente per i PIT.

CATEGORIA PRO-AM: Non ci piace fare i “copioni” (ndr…) ma pure in questa categoria ci sono stati tre protagonisti, come nella categoria sopra, le vittorie sono state equamente divise tra Ragusa (G2) e Emanuele Del Pero [Milano Corse] (G1), al terzo posto in entrambe le gare era un costante Mariotti (Ornitorinco Corse). Qui segnalavamo la grande rimonta in G1 di Del Pero, che partito non benissimo riusciva a vincere G1 e piazzarsi al sesto posto finale della assoluta. G2 molto più lineare con la vittoria di Ragusa.

CATEGORIA AM: Decisamente un pò diversa la situazione in AM, Mura (Wolf Racing Team) e Canzi (BOX33) sono i protagonisti di categoria con una vittoria a testa (Canzi in G2 viene penalizzato dal DG post gara con un -3), a loro si affiancano per il podio, Paggi (BOX33) terzo in G1 e Accoti (Shark Team) secondo in G2. Mura in G1 porta a casa una bella vittoria e un ottimo ottavo posto assoluto, bella lotta tra Canzi e Accoti (fino al ritiro di quest’ultimo), ne approfittava Paggi per agguantare il podio. In G2 lotta tra i tre del podio per quasi tutta la gara, Paggi fuori da giochi non riusciva a seguire questo trio.

EUROPA

Pierluca Amato (Samsung MorningStars)

Doppietta Samsung MorningStars in PRO. Lotta a tre in PRO-AM. Sempre grande spettacolo e lotta in AM

Il Misano World Circuit Marco Simoncelli (già Circuito Internazionale Santa Monica fino al 2006, e solamente Misano World Circuit dal 2006 al 2012) è un circuito motociclistico situato nel comune di Misano Adriatico, in provincia di Rimini, precisamente nella frazione di Santa Monica e vicino al bacino del fiume Conca. È intitolato alla memoria di Marco Simoncelli, motociclista italiano morto nel 2011. Curve caratteristiche di questo tracciato romagnolo più volte modificato sono: Rio, Quercia, Tramonto e Carro. Tracciato molto ostico per le potenti Lamborghini ST-EVO.

CATEGORIA PRO: Anche qui nella divisione EUROPA il “leit-motiv” non cambia, le vittorie di ambo le manches rimanevano in “casa” Samsung MorningStars, con Amato vincitore di G2 e Santoro di G1, a dimostrare la superiorità in pista del team (arrivo in parata per i primi due). Al terzo posto in G2 Luca Morelli (Sajan Racing Team); mentre in G1 terzo era Mannu (Racing ON3). Entrambi le gare molto regolari, senza molti colpi di scena.

CATEGORIA PRO-AM: Ci dispiace essere ripetitivi in questo recap Lamborghini ST-EVO, ma in ogni divisione le categorie PRO e PRO-AM, sembrano veramente in fotocopia, mettendo in risalto pochi simdrivers. La scena in questa categoria è presa dal trio Zampino (ELTA Customs), Mobilio (Musto Racing) e Arduini; questi tre si sono spartiti le vittorie (Zampino G1, Mobilio G2) e il podio, il trio dominava senza problemi la propria categoria, finendo in entrambe le gare all’interno dei primi dieci.

CATEGORIA AM: Questa era la categoria più ricca di sorprese, in G1 vittoria per Tommasi (Hunters Racing Team), davanti a Soave (Freem K32 Team), quindi terzo era Garbin (BOX33), bella gara combatutta tra questi protagonisti, a cui si aggiungeva il vincitore con la sua Lamborghini di G2 Mambretti (BOX33), Garbin secondo e Tommasi terzo. Entrambe due gare combatutte nonostante le potenti Lamborghini non hanno espresso tutto il potenziale, dimostrano, però ancora una volta che la categoria AM di ogni divisione erano quelle più combattute.

 

STATISTICHE COMPLETE ROUND 3 ST-EVO

CLASSIFICA ERS ST-EVO 2019

Your email address will not be published. Required fields are marked *