Ci siamo lasciati alle spalle il ROUND di apertura del #ITGT2018 nel magnifico scenario dell’Autodromo Enzo & Dino Ferrari di Imola, tra duelli fino all’ultima curva e colpi di scena sin dal giro lanciato, inoltre è iniziata l’eterna “sfida” tutta interna tra i commentatori di PitLane TV ovvero Mariano Calò vs Renato Vigliotti, che catalizza più attenzione della serie stessa. Per questo secondo round sconfiniamo in Francia. precisamente nel famoso e “storico” Paul Ricard a Le Castellet, pista molto usata dalle GT e noto per due punti fondamentali, ovvero il rettilineo Mistral e la Courbe de Signes che segue appunto il suddetto rettilineo, da quest’anno 2018, tornato anche nel circus della F1. ASZ Magazine è pronto a farvi rivivere quello che è successo nel ROUND2, partendo dalla classifica, che dopo Imola, vede Giuntini (TCR2), davanti a Scionti (Sim Racing Roma Academy) e Miraglia (Deko Motorsport).

QUALIFICHE

Iniziamo questa “cronaca” dalle qualifiche come sempre, Michele Morelli (Audi R8 LMS – Italia Racing Team), si portava a casa la POLE POSITION con il tempo di 1.55.392 con solo 4 giri, dietro di lui a più di mezzo secondo, Luca Tozzato, new entry e (poleman) di categoria SILVER (Lamborghini Huracan – Samsung MorningStars Akademy), che si piazzava davanti a Federico Scionti (BMW Z4 – Sim Racing Roma Academy). Dalla classifica dei tempi, potevamo notare, come solo 6 vetture erano racchiuse dentro al secondo, segno di una certa distinzione, nei primi 10 erano presenti solo due SILVER. Dalla posizione numero 7 alla 14, invece i distacchi erano più brevi contenuti dentro i 7 decimi. Il leader del campionato Daniele Giuntini (Mclaren 650s – TCR2), partiva dalla 11esima posizione, beccandosi, ben 1’3 dal poleman. Per quanto riguardo la sfida in casa PitLineTV, Calò (Mclaren 650s – Deko Motor Sport) era davanti a Vigliotti (Audi R8 LMS – Delta Squadra Corse) di poco meno di un secondo, mentre Soave (Lamborghini Huracan – ABS Motorsport) era dietro ai due, ma anche a Imola ha dato il meglio di se in gara.

In questo ROUND, giusto per ricordare, si svolgerà solo una gara, da 60 minuti + 1 giro, per cui come sempre tattica, pit stop e gestione auto saranno fondamentali, inoltre vedremo sul lungo periodo, se il mezzo secondo rifilato ai piloti dietro a Morelli, saranno un fattore anche in gara. Tutto pronto per la gara del ROUND2 Italian GT esport 2018 by E-Racing Series.

GENERALE: 1° MORELLI 2° TOZZATO 3° SCIONTI
GOLD: 1° MORELLI 2° SCIONTI 3° LIGUORI

SILVER: 1° TOZZATO 2° NINCI 3° CALO’

 

THE RACE

Dopo il rientro della SC, la partenza era regolare e pulita. Con tutti che rispettavano le loro posizioni in griglia.

La partenza di questo round transalpino, era regolare, Tozzato, subito molto aggressivo sul poleman Morelli riusciva ad andare in testa dopo la prima staccata; Liguori (Mclaren 650s – TCR), passava Scionti con una manovra simile poco dopo per il terzo posto.

Tozzato (Huracan), andava subito all’attacco di Morelli (Audi), ma il poleman al Mistral ritornava in testa. I due iniziavano a macinare un ritmo “intenibile” per tutti gli altri.

Tozzato andava subito all’attacco del poleman Morelli, che replicava e tornava primo. Bella lotta per il podio a tre.

Dopo pochi minuti dalla partenza, Tozzato e Morelli erano appaiati e molto vicino, i due facevano il ritmo, staccando il resto del gruppo, alla fine del rettilineo Mistral, in entrata di curva, Morelli eseguiva un gran sorpasso all’esterno su Tozzato, che resisteva in maniera corretta, ma doveva lasciare strada al pilota dell’Italia Racing Team. Dietro a questi, era bella e combattuta la lotta tra Pischedda (BMW Z4 – Wolf Racing Team), Miraglia (Mclaren 650S – Deko Motor Sport), Ponzo (Audi R8 LMS – Italia Racing Team) e La Paglia (BMW Z4 – Sim Racing Roma Academy), con il primo che si difendeva, “bagarre” maschia ma pressochè corretta, con qualche contatto ma nulla di grave. Ponzo perdeva posizioni nella lotta e veniva raggiunto anche da Mura (BMW Z4 – Wolf Racing Team) e dal leader del campionato Giuntini.

Mistral: “Poesia in Movimento” Artista: #ITGT by E-Racing Series. Non c’è titolo più adatto per questo spettacolo #ThisIsERS

Al Mistral sempre gran spettacolo, staccata a tre a dischi incandescenti.

Ponzo, La Paglia e Mura, per la serie “staccatissima 2018” in tre in fondo al Mistral, con Ponzo che passava in nona posizione e metteva nel mirino Mura e Giuntini, anche se quest’ultimo con la bagarre dietro prendeva un pò di margine.

Il centro-gruppo era ancora compatto e si assisteva a grandi duelli in pista, con protagonisti: Miraglia, Pischedda e Scionti.

Dopo venti minuti di gara, in pista c’è ancora molta lotta, assistiamo ad un altra staccatissima a 3 tra Scionti, Pischedda e Miraglia, sempre dopo il Mistral (anche loro si iscrivevano al premio “staccatissima 2018”), Scionti, si difendeva egregiamente e rimaneva in quarta posizione, c’era un lieve contatto tra Pischedda e Miraglia, con la BMW Z4 che finiva larga e la Mclaren di Miraglia che saliva in quinta posizione. Davanti Morelli teneva bene il ritmo e aveva un distacco superiore al secondo su Tozzato che però era in agguato. Il gruppo non era ancora ben scremato soprattuto dalla metà verso il fondo dove c’era in atto una bella bagarre. Nel proseguo, battaglia serrata tra Ponzo e Miraglia che era tornato dietro a Pischedda, e si doveva difendere dall’ Audi R8 del pilota dell’Italia Sim Racing, molto veloce e aggressivo.

Morelli (Audi), “pizzicava” il cordolo in uscita dalla Courbe de Signes e va nella via di fuga opposta, Tozzato si avvicina, ma il pilota del Italia Racing Team lo teneva a bada e riprendeva a macinare il suo ritmo.

Morelli perdeva tempo per colpa di un errore, Tozzato era di nuovo “pressante”. Urbani veniva centrato da Ninci.

Non inquadrato dalla regia, Morelli perdeva di colpo il vantaggio accumulato, per colpa di un errore, Tozzato, provava subito l’attacco all’ultima curva prima del traguardo, ma senza successo, perchè il leader della gara, si difendeva bene e tornava a macinare ritmo per riguadagnare qualcosa, sulla Huracan del Samsung MorningStars Akademy.

**Un altro colpo di scena, era Ninci (Mclaren 650s – TCR) che si trovava Urbani (che perdeva l’auto) in traiettoria mentre cercava l’attacco su Pellegrino (BMW Z4 – Sim Racing Motors), l’Audi R8 del Delta Squadra Corse perdeva posizioni, ripartendo 15esimo. **[Dopo una attenta revisione dell’accaduto, grazie all’aiuto della Direzione Gara ci scusiamo PUBBLICAMENTE con il SIMDRIVER Fabrizio Ninci e il suo team TCR (che ringraziamo per la segnalazione), per un nostro errore di valutazione dovuto alla visione della live e dal file di replay, abbiamo deciso di corregere questa frase].

Federico Soave era il primo ad inaugurare la “giostra” dei pit stop all’interno della finestra. Urbani sbagliava e si ritrovava 15esimo.

A metà gara circa, si apriva la PIT LINE per la finestra del pit obbligatorio secondo regolamento, il primo a fermarsi era Federico Soave (ABS Motorsport) e la sua Lamborghini Huracan GT3, provava ad anticipare subito la sosta su tutto il gruppo visto la 19esima piazza detenuta. Segnaliamo l’errore di Urbani che scendeva in 15esima posizione perdeva cosi il treno di quelli davanti.

Tozzato, supera dopo il suo PIT STOP Morelli e si portava cosi in testa, grazie al giro in più effettuato. Si ritirava nel frattempo Renato Vigliotti, non un buon inizio di stagione per il commentatore/simdriver di PitLane TV.

Tozzato dopo il PIT passava Morelli, grazie ad un giro velocissimo in più, dietro la bagarre era accessisima. Vigliotti si ritirava dopo un contatto

Dopo i PIT STOP, Tozzato entrava con un giro di ritardo e all’uscita riusciva a passare Morelli, ora il pilota Samsung MorningStars Akademy era al comando e quello dell’ Italia Racing Team doveva inseguire a pochi decimi. Il resto del gruppo rimaneva nelle posizioni confermate anche dopo le soste. Calò guadagnava un paio di posizioni e sorpassava al PIT, un Vigliotti in difficoltà. Bella lotta per il decimo posto tra Giunchi e La Paglia (che poi scendeva fino in 16esima posizione). Si toccavano in maniera decisa tra Pellegrino e Napolitan, con la Ferrari del Wolf Racing Team 2 che si girava perdendo tempo e si faceva raggiungere da Urbani. Ora per il decimo posto Giunchi (Audi R8 LMS – Italia Racing Team) si doveva difendere da Ninci su Mclaren che nella staccata dopo il traguardo, compiva il sorpasso. Anche Liguori (Mclaren 650S – TCR) scendeva in nona posizione, superato anche dal leader del campionato Giuntini. Gran bagarre per il terzo posto, tra Scionti e Pischedda che si scambiavano la posizione e sul Mistral, quest’ultimo ripassava al terzo posto. Scionti scendeva ancora di una posizione, persa ai danni di Miraglia. Ritiro per Renato Vigliotti dopo un contatto.

Ultimi minuti in “apnea” per il duo di testa, sempre più vicino. Ponzo spettacolare!!! doppio sorpasso e quinta posizione conquistata.

Ultimi minuti di gara, Tozzato vs Morelli a suon di millesimi i tempi sul giro, ci aspettava una “rush” finale incandescente. Tante battaglie in questo finale di gara, anche nelle altre posizioni. Ponzo passava da settimo a quinto in un doppio sorpasso tra Mistral e Courbe De Signes, su Scionti (in difficoltà) e Mura. Davanti sempre più incollati Tozzato e Morelli che avevano fatto il vuoto dietro di loro.

Nel settore protagonista della giornata ovvero il Mistral, avveniva il “fattaccio”, Morelli tamponava Tozzato, che si girava e finiva nella via di fuga. Tozzato ripartiva con le gomme in pieno surriscaldamento.

Bellissimo gesto di FAIR PLAY di Morelli, che dopo il contatto, rallentava a e faceva passare Tozzato, senza attaccarlo nel seguente giro. Nonostante il contatto, un plauso a Michele Morelli.

Il Mistral protagonista di tanti sorpassi in questo round, metteva in atto il suo “dramma”, Morelli tamponava Tozzato e quest’ultimo si girava!!

In fondo al Mistral succedeva il “fattaccio”, ovvero, Morelli, tamponava e mandava in via di fuga la Lamborghini di Tozzato che riscontrava al momento del rientro in pista un eccessiva temperatura delle gomme, Morelli molto correttamente aspettava il suo rivale e lo lasciava raffredare le gomme in vista degli ultimi due giri. All’ultimo giro, Morelli attaccava Tozzato in evidente difficoltà con i pneumatici.

Michele Morelli con un sorpasso all’ultimo giro ritorna leader e taglia per primo il traguardo, la vittoria era effimera, una penalità di 5″ post gara, permette a Tozzato di vincere il ROUND 2 #ITGT2018 al Paul Ricard. 3° Pischedda.

Morelli taglia il traguardo per primo (in pista), ma la DG cambia tutto post gara, il vincitore è Luca Tozzato. Podio per Morelli (2°) e Pischedda (3°). Vittoria per Napolitan in SILVER.

Morelli vinceva in pista il ROUND 2 del #ITGT2018 al Paul Ricard davanti a Tozzato e Pischedda, in attesa della Direzione Gara, che doveva giudicare il contatto avvenuto tra i primi due che aveva di fatto condizionato il finale.

Infatti la DG ribaltava il risultato in pista, con Michele Morelli (Audi R8 LMS – Italia Racing Team) che veniva penalizzato di 5″ sul tempo di gara finendo secondo, e con Luca Tozzato (Lamborghi Huracan – Samsung MorningStars Akademy) che poteva festeggiare la vittoria; chiudeva il podio delle generale e della GOLD Daniele Pischedda (BMW Z4 – Wolf Racing Team). In categoria SILVER, Emanuele Napolitan (Ferrari 458 GT3 – Wolf Racing Team), vinceva, davanti a Pellegrino (BMW Z4 – Sim Racing Motors), chiudeva il podio di categoria, Fabrizio Ninci (Mclaren 650S – TCR).

GENERALE: 1° TOZZATO* 2° MORELLI 3° PISCHEDDA
GOLD: 1° TOZZATO* 2° MORELLI 3° PISCHEDDA
SILVER: 1° NAPOLITAN 2° PELLEGRINO 3° NINCI

*promosso nel dopo gara dalla DG in categoria GOLD.

 

Classifiche GENERALE, GOLD,SILVER e TEAM

Ora spazio alla classifica, nella GENERALE: Giuntini 41p (TCR2) rimane ancora leader del Campionato, davanti a Scionti 30p (Sim Racing Roma Academy) e Miraglia 28p (Deko Motor Sport), i tre sono racchiusi in 13 punti di distacco. Tozzato 25p (Samsung MorningStars Akademy) con due manches in meno è lì a -16 e potrà certamente dire la sua per la lotta del campionato.
Tralasciando la Categoria GOLD, perchè rispecchia la classifica GENERALE, passiamo a quella SILVER: dove sia Soave 39p (ABS Motorsport), sia Ninci 38p (TCR 2), vengono superati da Napolitan 53p (Wolf Racing Team 2) che balza al primo posto staccando di più di 10 punti i sopracitati drivers.

In classifica TEAM, Italia Racing Team 49p prende la vetta dopo 2 round e 3 manches, davanti al TCR2 41p e al Wolf Racing Team 37p.

Vi aspettiamo a Misano per il terzo ROUND del #ITGT2018, per vedere l’evoluzione di questo bellissimo campionato.

 

 

Your email address will not be published. Required fields are marked *