Giornata da ricordare per Volpe laureatosi campione del campionato Formula Abarth 2017 grazie al grande slam di Barcellona ottenuto con pole, vittoria e giro veloce senza mai mollare la leadership. Solo secondo il suo principale avversario Spitaleri, mentre Di Gilio è quarto alle spalle di Pesavento.

Qualifica
Come anticipato il simdriver della Prophecy detta il passo aggiudicandosi la pole davanti a Spitaleri con un 1.43.931 che gli fa mettere una seria ipoteca sul titolo. Seconda fila tutta per i compagni di squadra dei due rivali, Tafel e Pesavento, 5° Urbani, solo 6° Di Gilio a precedere Emili, Posapiano, Dominici e Susca che completano la top 10.

Gara
La partenza della gara è forse il momento di più alta tensione: una Prophecy in testacoda alla prima chicane dopo il rettilineo di partenza crea un groviglio di auto in mezzo al gruppo nel quale rimangono coinvolti diversi piloti, costretti a chiudere ingloriosamente il proprio campionato, alcuni ritirandosi, altri proseguendo la gara con l’auto danneggiata.
Dopodiché la natura del circuito catalano ci mette del suo e rende la gara piuttosto statica, basti pensare che fra i primi 8 non si verifica nessun sorpasso, e gli unici scambi di posizione sono dovuti ad errori e considerando il livello di spettacolo offertoci da queste piccole monoposto nell’arco delle precedenti quattro gare è un dato davvero sorprendente.
Dopo 13 giri Volpe va dunque a vincere staccando di 3 secondi Spitaleri, cui va l’onore di averci creduto fino in fondo. Sul podio con loro Massimiliano Pesavento a chiudere un campionato non iniziato nel migliore dei modi, ma finito in crescendo. Medaglia di legno per Di Gilio, chiamato ad una missione impossibile per vincere il campionato, ma dimostratosi comunque un pilota in grado di giocarsela sempre per le posizioni di rilievo.
Dal quinto al decimo troviamo Tafel, Brandani, Posapiano, Zanirato, Mangani e Moroni, quest’ultimo al suo primo punto iridato nel campionato, colto proprio nel round finale.

Considerazioni finali sul campionato
La classifica finale recita Volpe vincitore con 93 punti seguito da Spitaleri a 83, Di Gilio con 70, Pesavento a 54 e a chiudere la top 5 Posapiano con 40.
Filippo Volpe è stato in grado di riaprire un campionato che era stato messo in dubbio dai problemi tecnici avuti a Brands Hatch dopo il 2° posto a Misano, con 3 vittorie in Germania, Ungheria e infine in Spagna.
L’appuntamento britannico è stato fatale per le speranze iridate di Di Gilio, che con una falsa partenza dopo la vittoria nel round inaugurale si è compromesso la possibilità di giocarsela ad armi pari con il vincitore e con Spitaleri: quest’ultimo ha invece fatto del proprio punto di forza la costanza e il non lasciarsi andare le occasioni, come quella capitatagli a Brands Hatch: ha comunque chiuso con 4 podi su 5 a soli 10 punti dalla vetta.
A favore di Volpe c’è stato anche un team che, fra Zanirato, Posapiano e soprattutto Pesavento, ha saputo fornirgli un adeguato supporto per farlo rientrare nei giochi per il titolo, basti pensare alla gara del Nurburgring: Spitaleri ha avuto un supporto solo parziale da parte di Tafel suo compagno in dP Stealth Racing: pilota velocissimo, ma spesso incline a commettere qualche errore di troppo.
Nel fare i complimenti al vincitore e a tutti i partecipanti per aver reso questo campionato incredibilmente affascinante, speriamo di ritrovare i primi 5 classificati nel campionato Formula 2 RSS in partenza nel 2018, a proposito del quale tratteremo nel corso delle vacanze natalizie.

About author
Valerio Ferraris

Valerio Ferraris

Direttore di gara e articolista su e-Racing Series.

Your email address will not be published. Required fields are marked *