Ci siamo. Ultima gara sul portale E-Racing Series di questo 2018. E, di conseguenza, ultimo recap di quest’anno.

Il teatro di questa chiusura sarà il circuito di Barcellona, dove andrà in scena l’atto decisivo del campionato #EUGT2018. Michele Chesini avrà la possibilità di confermarsi campione della serie con una gara di anticipo. 25 punti su Paolo Muià con 37 in palio in questa doppia manche costringeranno il pilota veronese a fare il ragioniere?

Il gradino basso del podio in classifica generale vede ancora aperta la lotta tra Fistarol, Selva e Pasolini. In categoria SILVER, invece, i giochi sono molto più aperti; con 4 simdrivers in 16 punti che possono giocarsi vittoria di categoria e podio, il campionato è tutt’altro che finito. Vencato dovrà avere sangue freddo, visto il ritorno di Selva e Mazzei, entrambi davvero in palla negli ultimi round. In categoria BRONZE Slanzi, con 48 punti di vantaggio sul secondo, può aggiudicarsi il titolo di categoria, e con 52 punti rimasti in palio dovrà solamente gestire bene questo round, diventando campione già al termine della prima manche. Dietro di lui Previtali deve difendere il podio da Desperati, Milani e Biasso. Ci apprestiamo a farvi rivivere il ROUND della verità.

 

QUALIFICHE

 

Ancor prima del via assistevamo al primo colpo di scena: l’assenza di Paolo Muià (Racing ON3 Red), regalava il titolo al suo compagno di team, Michele Chesini. Era proprio il pilota veronese a firmare la pole, stampando sul display dei tempi un crono di 1 minuto, 45 secondi e 677 millesimi, sopravanzando un Selva più che in forma, a soli 14 millesimi di distanza. Al terzo posto chiudeva Fistarol, davanti a Savini (sostituto di Paolo Muià).

Qualifiche animate ed emozionanti, con ben diciassette vetture racchiuse in un solo secondo. Un tracciato che bilanciava molto le performance dunque, quello del Montmelò, con tratti veloci e sezione miste dove serviva grip, e il sorpasso era difficoltoso. Un dato spiccava ina maniera interessante: nelle prime dieci posizioni, ben 6 vetture erano Mclaren 650S. Al termine della sessione, i risultati erano i seguenti: come anticipato, la pole era di Michele Chesini (Mclaren – Racing ON3 Red), secondo Patrick Selva (Ferrari – BOX33 Motor Sport), terzo Federico Fistarol. Il primo fuori dal podio, al quarto posto, era Daniel Savini (Mclaren – Racing ON3 Red), davanti a Giuseppe Mazzei (Mclaren – Racing ON3 Black), sesto era Marco Massetti (Mclaren – D2D Simulation), settimo Francesco Vencato (BMW – Apex Motorsport), ottavo Vincenzo Manenti (Mclaren – D2D Simulation), nono il rientrante Andrea Rubeis (Mclaren – Racing ON3 Black), e, a chiudere la top ten, Luca Morelli (BMW – Sajan Racing Team). Fuori dai dieci Niko Pasolini (Audi – Delta Squadra Corse). Chesini dunque poteva affrontare la gara con molta calma e senza pressioni, vista l’assenza di Muià.

Pronti dunque a tuffarvi nella QUALIFYNG RACE? Il tango ha inizio!

 

QUALIFYING RACE

[foto1]

[foto2]

[foto3]

Chesini difendeva la posizione da Selva, mantendendo la testa della corsa [foto1]. Dietro grande lotta, con Savini che si ritrovava al terzo posto all’ingresso della Repsol. Mazzei superava in curva 5 Fistarol [foto2], che doveva difendersi anche da Massetti. Contatto alla curva 6 tra Sivilotti, che finiva a muro e ripartiva in 20esima posizione, e Morelli [foto3]. Un pò azzardato il rientro in pista di quest’ultimo. Stabilizzate le posizioni davanti, con Chesini che controllava Selva. Il duo aveva scavato un distacco di più di due secondi sul terzo, posizione occupata da Savini.

Bagarre intensa tra Mazzei e Fistarol , che non si risparmiavano spallate rugbistiche alla curva Europcar. I due però, così facendo, facevano riavvicinare Massetti e Vencato. Era proprio il pilota della D2D Simulation a passare Mazzei, superato anche da Fistarol, che saliva così in quarta posizione.Contatto tra Ortenzi (Lamborghini – Virtual Drivers Alliance) e Del Pero (Ferrari – ELTA Customs) [foto]. Ad avere la peggio era proprio quest’ultimo, che perdeva la posizione sull’arrivo di Desperati. Si girava Mazzei alla Catalunya, che scivolava così in 11esima posizione.

Chesini vinceva così la QRACE [foto] non senza assilli, con un Selva rimasto a stretto contatto, ma che non aveva mai provato ad affondare il colpo. Chiudeva terzo Savini, che sostituiva al meglio l’assente Muià. Bene la prova dei SILVER. Nella categoria BRONZE si confermava Slanzi che, con questa vittoria,  metteva una mano sul titolo. Una QUALIFYING RACE abbastanza avara di emozioni, se non nelle primissime fasi, che relegava alla MAIN RACE il compito di regalare qualche brivido. Spazio al riepilogo:

 

GENERALE: 1° CHESINI 2° SELVA 3° SAVINI
GOLD: 1° CHESINI 2° SAVINI 3° FISTAROL
SILVER: 1° SELVA 2° MASSETTI 3° VENCATO
BRONZE: 1° SLANZI 2° DESPERATI 3° DEL PERO

 

MAIN RACE

 

Il primo colpo di scena era servito: ancor prima della partenza della gara, nel formation lap, Patrick Selva si accostava sullo sfondo, alla curva prima della Repsol [foto]. Per lui problemi al volante. Assenza pesantissima per lui, soprattutto per la sua rincorsa in classifica SILVER.

[foto1]

[foto2]

[foto3]

Nella partenza Chesini non rischiava nulla, cosi come il suo compagno Savini [foto1]. Il duo affrontava in controllo la prima curva, mentre scatenato era il loro compagno di team, Rubeis, che saliva al quarto posto e mettendo nel mirino Fistarol. Errore per Savini, che commetteva un errore in uscita dalla La Caixa e cedeva cosi il secondo posto a Fistarol [foto2]; nello stesso momento contatto presunto tra Slanzi e Mazzei [foto3], che spezzava il gruppo. Ancora Savini protagonista, in negativo purtroppo; un errore in curva 9 lo relega nelle ultime posizioni. Chesini in tutto questo prendeva vantaggio, veleggiando verso un successo annunciato. Ritiri per Santini e Del Pero, mentre Selva era riuscito a tornare in pista e stava portando a termine la sua gara (onore a lui).

Un errore di Vencato permetteva a Pasolini e Mazzei di avvicinarsi: ad approfittarne era proprio quest’ultimo, che alla La Caixa superava l’Audi di Pasolini dopo un suo lungo (per non tamponare Vencato), salendo cosi in sesta posizione. Due le battaglie su cui si focalizzava la regia: Rubeis – Massetti e Vencato – Mazzei [foto]. I quattro erano molto vicini e si apprestavano a continuare appaiati, almeno fino all’apertura della finestra del PIT STOP. Un occhio su Pasolini, che stava recuperando sul quartetto.

[foto1]

[foto2]

Sorpasso in stile rallystico di Massetti su Rubeis alla La Caixa [foto1]: le due Mclaren arrivavano al contatto e, in controsterzo, il pilota della D2D Simulation riusciva a tenere la propria vettura e superava la Mclaren del team Racing ON3. Dietro anche Mazzei provava l’attacco su Vencato, senza andare a segno. Fase molto confusa nella prima esse dopo il traguardo: contatto tra Vencato e Mazzei. Alla fine a beneficiarne era Pasolini, che saliva in quinta posizione [foto2]. Dietro Vencato, dopo il contatto, era braccato da Slanzi e Varriale.

Nel frattempo Mazzei provava a recuperare la posizione su Pasolini.

Il primo ad effetuare la sosta obbligatoria era Pasolini, seguito da Slanzi e Vencato. Anche la coppia Fistarol-Rubeis optava per la sosta. Poco dopo si fermava anche il leader della gara Chesini, insieme a Massetti e Mazzei. Il PIT STOP favoriva Massetti [foto] che distanziava i suoi inseguitori e penalizzava Pasolini, sceso di una posizione.

Chiusa la finestra dei pit, la situazione era la seguente: in testa trovavamo Chesini, che conduceva senza problemi, davanti a Fistarol. Terzo era Massetti, quarto Rubeis, quinto Mazzei davanti a Pasolini, sesto assoluto. Settimo Slanzi, davanti a Vencato, nono Varriale e, a chiudere la top ten, Desperati.

 

Michele Chesini Campione dell #EUGT2018 by E-Racing Series [aszdriveroftheday]

Michele Chesini vinceva così la MAIN RACE e diventava ufficialmente il campione dell #EUGT2018 by E-Racing Series [foto] con un round di anticipo, in un finale di gara davvero senza squilli. Secondo al traguardo era Federico Fistarol, davanti ad un ottimo Marco Massetti, terzo assoluto e vincitore in questo round della categoria SILVER. Marco Slanzi, così come Chesini, vinceva il campionato nella categoria BRONZE. Il suo settimo posto assoluto a Barcellona e primo di categoria gli regalavano il successo meritato, anch’egli raggiunto con una gara di anticipo.

Si chiude così il round spagnolo:

GENERALE: 1° CHESINI 2° FISTAROL 3° MASSETTI
GOLD: 1° CHESINI 2° FISTAROL 3° PASOLINI
SILVER: 1° MASSETTI 2° MAZZEI 3° VENCATO
BRONZE: 1° SLANZI 2° DESPERATI 3° MILANI

 

CLASSIFICHE

 

Michele Chesini è ufficialmente il Campione dell’EUGT 2018 by E-Racing Series. L’alfiere del team Racing ON3, grazie alle ottime prestazioni, si mette in testa per la seconda volta la corona. Il pilota veronese, a parte la parentesi Silverstone, ha condotto una stagione pressochè perfetta, mostrando grande pulizia di guida e determinazione al punto giusto. Dispiace forse non averlo visto lottare con Muià fino all’ultimo ROUND. E’ ancora aperta invece la faccenda per i restanti gradini del podio; in vista del prossimo ROUND (ricordiamo gara in unica manche, con la formula endurance che prevede un punteggio più alto), Fistarol può ancora arrivare secondo, mentre dietro la matematica non condanna ancora Pasolini e il SILVER Selva, a pari merito in classifica assoluta.

Doppio titolo per Michele Chesini, che fa sua anche la classifica di categoria GOLD. Lotta aperta per il podio finale, fra Muià, Fistarol e Pasolini (senza lasciare fuori anche Sivilotti, che vede ancora una finestra aperta per lui).

 

 

E’ ancora aperta la lotta per la categoria SILVER. Tre i piloti in 14 lunghezze (occhio a Ortenzi, quarto, che potrebbe giocare un brutto tiro a Mazzei). Gli ultimi chilometri di SPA, sono il teatro perfetto per quella che si preannuncia essere una miscela esplosiva, per l’ultimo ROUND dell’#EUGT2018.

 

Fa suo il titolo in categoria BRONZE Marco Slanzi. Il pilota della Deko Motor Sport ha portato ha casa ben 5 main race, e, nonostante il doppio zero del ROUND 3, conferma la sua ottima stagiona. Dietro di lui sarà invece lotta serrata fra Desperati e Previtali, entrambi a pari merito a 125 punti. Dovranno guardarsi le spalle, dato che Milani, al quarto posto staccato di 8 punti, potrebbe regalare loro una spiacevole sorpresa.

 

Con questo ultimo recap, da ASZ Magazine è tutto. Dalla nostra redazione un sincero augurio di BUON INIZIO ANNO a tutti i lettori, membri, simpatizzanti (e non), simdrivers e collaboratori di E-Racing Series. Ci rivediamo con il prossimo recap, quello conclusivo di questo #EUGT2018 a Spa il 15/1/2019.

 

Your email address will not be published. Required fields are marked *