Siamo al giro di boa del Campionato European GT esport Series 2018 by E-Racing Series, seconda tappa consecutiva in terra britannica, dopo quella davvero “soporifera” di Brands Hatch, di scena oggi il circuito di Silverstone, per la quarta tappa del Campionato #EUGT2018. Ci sono stati tre vincitori di diversi per ogni tappa, Muià, Fornasiero e Chesini, anche se le Mclaren 650S sembrano le più perfomanti e complete del lotto, oggi in questo circuito rinnovato, tra grandi accelerazioni e complex, vedremo se ci sarà un nuovo vincitore oppure qualcuno apporà la sua seconda vittoria, nel campionato costruttori, sembra già quasi tutto deciso. Come sempre noi di ASZ Magazine siamo pronti per farvi rivivere in maniera testuale questo ROUND 4.

QUALIFYING

Grande equilibrio, in questa battaglia per la pole della QUALIFYING RACE, ben quindici vetture racchiuse in un secondo, con solo due piloti però, a scendere sotto il muro dei 2 minuti, ovvero il poleman, nonchè campione in carica Michele Chesini (Mclaren 650S – Racing ON3 Red)1.59.839, davanti al leader della classifica e compagno di squadra Paolo Muià (Mclaren 650S – Racing ON3 Red) staccato di soli 84 millesimi. Dietro il duo Racing ON3 Red, spunta un altra Mclaren, quella del rientrante Marco Massetti [all’esordio in questo campionato (Mclaren 650S – D2D Simulation)]. Dietro questo terzetto vi erano questi piloti: Luca Losio (BMW Z4 – Ghepardino Racing), Varriale (Ferrari 488 – Elta Customs), Fistarol (BMW Z4 – Apex Motorsport), Rubeis (Mclaren 650S – Racing ON3 Black), Manenti (Mclaren 650S – D2D Simulation), Pasolini (Audi R8 LMS – Delta Squadra Corse), chiude la top ten Morelli (BMW Z4 – Sajan Racing Team). Oltre a ciò vediamo nel dettaglio i primi tre piloti classificati di ogni categoria:

GENERALE: 1° CHESINI 2° MUIA’ °3 MASSETTI

GOLD: 1° CHESINI 2° MUIA’ 3° L.LOSIO

SILVER: 1° MASSETTI 2° VARRIALE 3° MANENTI

BRONZE: 1° DEL PERO 2° DESPERATI 3° MILANI

Ci si prospetta davanti una gara “sprint” molto combattuta, visto il divario ristretto tra i piloti, vediamo favorite le Mclaren che come detto hanno il “pacchetto” migliore secondo noi, da segnalare l‘assenza ingiustificata del team Apex Racing Team (Fornasiero – Sivilotti), sin dalle qualifiche di questo ROUND.

 

QUALIFYING RACE

Chesini (Mclaren650S), tiene a bada Muià e Luca Losio alla partenza della QRACE. Molti “spin” in questa fase iniziale della gara, cosi come lotte nelle retrovie.

Chesini controllava bene il launch start dalla SC, Tante lotte e “spin” nelle retrovie

Chesini, partiva subito bene e controllava Luca Losio e il compagno di squadra Muià, il quale teneva a bada Massetti. Dietro lotta tra il team Virtual Drivers Alliance(VDA), con Santini che passava la gemella Huracan del compagno Ortenzi alla Luffield Corner. Un bel terzetto agguerrito per l’ottavo tra Morelli, Manenti (Mclaren 650S – D2D Simulation) e Pasolini; Santini (Lamborghini Huracan – Virtual Drivers Alliance) saliva al decimo posto dopo un lungo dello stesso Pasolini alla Aintree Corner. Manenti andava in spin dopo che aveva affondato la staccata su Santini alla Stowe, rientrando 20esimo.

Il colpo di scena: Chesini seppur non inquadrato (scovato da ASZ nel replay) toccava la parte esterna sintetica della Copse entrava forse scomposto e lungo, si girava (spin) e andavava a toccare il muro. Per lui addio a vittoria comoda e podio.

Muià compagno di squadra di Chesini, si ritrovava in testa alla gara con dietro un arrembante Luca Losio (BMW), saliva a podio anche Massetti (Mclaren 650S).

Incredibile!! Chesini in solitario si girava alla Copse perdendo la testa della corsa. Muià si metteva in testa. Ancora altri “spin”

Un colpo di scena inaspetatto, Chesini davanti, in solitario conduceva la gara, non inquadrato, scendeva fino all’ottavo posto in classifica, complice una girata (spin) alla Copse danneggiava anche l’auto andando a muro dopo lo spin e permetteva cosi al suo compagno di squadra (Muià) di andare a condurre la gara con Luca Losio in pressing. Anche Previtali (Ferrari 458 – BOX33 Racing Team) era vittima di uno spin, su una pista molto scivolosa in questa QRACE. Anche Morelli scendeva in classifica dopo un contatto (o errore), rientrava 12esimo, ne approfittavano Chesini e Santini, proprio lo stesso Santini era vittima anche lui di uno spin e scendeva fino al 19 esimo posto. Niko Pasolini rientrava ai box nel penultimo giro, per lui problemi di natura ignota.

Muià (Mclaren650S) vinceva questa QRACE grazie al regalo di Chesini e regolava Luca Losio e Massetti che chiudevano il podio. Bene ancora Varriale.

Paolo Muià, vinceva la QRACE, davanti a Luca Losio e al rientrante Massetti (SILVER). Buona prova di Varriale quarto, chiudeva settimo il poleman Chesini.

Muià, vince in maniera abbastanza agevole questa QRACE, (che vedeva pochi sorpassi in pista) controllava bene Luca Losio che in alcuni settori perdeva dal leader della gara e del campionato e non riusciva mai a tentare un sorpasso. Secondo posto per Luca Losio, al rientro dopo la squalifica per i fattacci di Monza, davanti ad un altro rientrante Massetti, che vinceva la categoria SILVER, davanti ad un positivo Varriale che conferma la buona prova di Brands Hatch. Chesini limitava i danni, chiudendo al settimo posto, ma dimostrando di avere un ottimo passo gara che gli sarà probabilmente “amico” nella Main Race da 60 minuti. In categoria BRONZE vinceva Desperati (Audi R8 LMS – Deko Motor Sport). Ora guardiamo le classifiche:

GENERALE: 1° MUIA’ 2° L.LOSIO 3° MASSETTI
GOLD: 1° MUIA 2° L.LOSIO 3° FISTAROL
SILVER: 1° MASSETTI 2° VARRIALE 3° VENCATO
BRONZE: 1° DESPERATI 2° DEL PERO 3° MILANI

 

MAIN RACE

Muià partiva gestendo la pole della MAIN RACE senza particolari problemi.

Mazzei (Mclaren 650S), finiva a muro dopo questo contatto con Morelli (BMW). Dopo qualche giro per il primo arrivava il ritiro.

Varriale (Ferrari 488), dopo aver tentato di controllare uno spin alla Farm Curve, veniva toccato sia da una Huracan e forse da una BMW. Per lui dopo pochi giri concludeva la gara con un ritiro.

Muià controllava e teneva la prima posizione. Subito bagarre, Mazzei e Varriale ne uscivano “malconci”. Rubeis primo ritirato.

Muià in partenza, controllava bene, il gruppo, dietro un paio di sportellate tra Morelli, Rubeis e Mazzei (Mclaren 650s – Racing On3 Black), con quest’ultimo che si ritrovava a muro neanche finito il primo giro, doveva ripartire dal fondo. Fistarol si girava alla Vale e permetteva a quelli dietro di guadagnare la sua posizione; Varriale alla Farm Curve controllava un spin (tramutato in un prefetto 360°, senza colpire nessuno) che rischiava di “centrare” Chesini che riusciva ad evitarlo e saliva cosi in quarta posizione. Varriale veniva toccato dalle macchine che sopraggiungevano e si scatenava una carambola alla Village Corner, dove vedavamo una Huracan volare sul cordolo e andare nella via di fuga. Varriale alla fine ripartiva in 21esima posizione. Il primo ritiro era di Rubeis. Facciamo un riepilogo delle prime dieci posizioni: Muià in testa, davanti a Luca Losio che era attaccato ai suoi scarichi, quindi terzo Massetti, poi Chesini, Vencato, Ortenzi, Desperati, Morelli, Pisani (BMW Z4 – Sajan Racing Team) e chiudeva la top ten Santini.

Varriale e Mazzei doppio ritiro. Chesini puntava Massetti per il terzo gradino del podio.

Varriale, si ritirava dalla gara (disconnessione) probabilmente con la vettura troppo danneggiata (come confermato dal Team Manager Elta Customs) era lui il secondo ritiro di serata, arrivava anche il terzo ritiro, ovvero Mazzei (probabilmente per lo stesso motivo di Varriale), vittima del primo contatto di serata. Intanto Chesini era davvero vicino al podio e iniziava a farsi vedere negli specchietti del ottimo rientrante Massetti, si prospettava una bella battaglia in arrivo. Intanto il gruppo era abbastanza dilatato e scremato, con alcuni piloti nelle retrovie che giravano più veloci dei piloti in testa. Nel gruppo di testa si poteva già pensare a come affrontare la sosta obbligatoria per non essere penalizzati dal traffico al proprio rientro.

SANTINI MOVES!!! Che gran sorpasso per la Huracan di Santini, che nella staccata al termine del Hangar Straight, passava da decimo a ottavo. #ThisIsERS #EUGT2018

Nello stesso instante del sorpasso di Santini (si intravedeva nello sfondo), Chesini si prendeva il podio con una staccata decisa (con “toccatina” annessa) ai danni di Massetti all’uscita della Club Corner.

Santini da decimo ad ottavo in una curva; Chesini saliva al terzo posto.

Grandissimo sorpasso di Santini che saliva all’ottavo posto, superando con una grande manovra al termine del Hangar Straight che ricordava il sorpasso di Hakkinen a Spa; di contro Desperati (Audi R8 LMS – Deko Motor Sport) usciva dalla top ten passato anche da Fistarol. Nel frattempo di questa battaglia, Chesini si prendeva il podio superando Massetti.

Muià (Mclaren 650S), usciva dai box “sganciandosi” dal retrotreno Luca Losio (BMW) senza trovare traffico. Chesini rientrava terzo quasi attaccato a L. Losio. Pasolini con le soste saliva in settima posizione.

I PIT non cambiavano le prime tre posizioni, Luca Losio veniva avvicinato da Chesini e si distaccava da Muià. Grave errore di Santini. Pasolini da ultimo a settimo. Ritiro per Del Pero.

Santini vanificava tutto con un uscita di pista a ridosso della Club Corner prima del traguardo e rientrava in 13esima posizione. Chesini spingeva al massimo per rosicchiare qualche decimo a L.Losio e prendersi il secondo posto, magari dopo la sosta al PIT. I primi che entravano erano: Vencato, Ortenzi, Fistarol, Pisani e Santini. Muià entrava nella corsia dei box, seguito da Luca Losio; mentre Chesini continuava in pista, cercando di recuperare qualche posizione. Luca Losio dopo il PIT usciva più staccato da Muià di ben 2″ e rischiava a questo punto di aver perso anche il secondo posto. Invece sia Muià che Luca Losio, riuscivano a stare davanti a Chesini, però quest’ultimo ora è a meno di un secondo dalla BMW del Ghepardino Racing. Del Pero (Ferrari 458 – Elta Customs) autore di una ottima gara (secondo di categoria BRONZE in quel momento), si ritivara dalla gara, mentre nella “girandola” della sosta obbligatoria, Pasolini era risalito al settimo posto, per lui una grande rimonta, partito 23esimo in questa MAIN RACE.

L’ultimo “squillo di trombe” del ROUND 4 #EUGT2018: Chesini (Mclaren 650S), sorpassava Luca Losio (BMW) dopo tanti giri di studio, sorpasso ben costruito iniziato con la scia presa al Hangar Straight, quindi affiacava all’esterno della Stowe e concludeva con difesa dentro le Club Corner, un sorpasso pulito e corretto, cosi come lo è stato Luca Losio in questo duello.

Chesini si prendeva il secondo posto, con una bella lotta corretta con Luca Losio. Era l’ultimo squillo della gara.

Chesini usciva allo scoperto e a meno di 6 minuti compiva il sorpasso che valeva il podio, dopo vari tentativi di farsi vedere e studiando molto bene un ottimo e correttissimo Luca Losio, a cui la squalifica dopo Monza ha fatto benissimo, rientrando in maniera molto corretta e competitiva in questo round. Qui non poteva fare assolutamente nulla, di fronte al sorpasso della Mclaren griffata Racing ON3 Red che sfruttava la scia alla fine del Hangar Straight e concludeva il sorpasso all’esterno della Stowe, proteggendosi poi nella Club Corner, bellissima manovra da applausi per il campione in carica della categoria.

Paolo Muià trionfa nella MAIN RACE e si portava a casa la doppietta del ROUND4 #EUGT2018 a Silverstone. Secondo Chesini (doppietta per il team Racing ON3 Red). Terzo un buon Luca Losio.

Prima menzione d’onore per Marco Massetti (D2D Simulation), alla prima gara stagionale, portava a casa un 3° e 4° generali nelle due gare e la doppia vittoria in categoria SILVER. Grande prestazione la sua.

Seconda menzione d’onore per il sanmarinese Niko Pasolini (Delta Squadra Corse), che partiva dal fondo della griglia dopo la sfortunata QRACE e chiudeva con tenacia, tattica e grinta al settimo posto.

Muià, fortissimamente Muià, l’alfiere del team Racing ON3, si portava a casa la doppietta a Silverstone. Chesini 2° e L. Losio terzo. Ottime prove per Massetti e Pasolini.

Non succede più nulla, se non la vittoria di Paolo Muià (Mclaren 650S – Racing On3 Red), doppietta per lui a Silverstone, senza mai rischiare niente, tenendo a bada il giovane agguerritissimo Luca Losio nella prima parte di gara e poi dopo il PIT controllando la gara, dietro di lui il compagno di squadra Michele Chesini (Mclaren 650S – Racing On3 Red), ottimo secondo dopo la QRACE buttata al vento per un suo errore, chiude al secondo posto, terzo un ottimo davvero il sopracitato Luca Losio (BMW z4 – Ghepardino Racing). Da sottolineare, la vittoria al rientro di categoria SILVER di Marco Massetti (Mclaren650 – D2D Simulation) e la splendida rimonta del sanmarinese Niko Pasolini (Audi R8 LMS – Delta Squadra Corse) che chiudeva settimo dopo essere partito in fondo al gruppo. In categoria BRONZE, si affermava Marco Slanzi (Audi R8 LMS – Deko Motor Sport). Riepiloghiamo le classifiche di questa round:

GENERALE: 1° MUIA’ 2° CHESINI 3° LUCA LOSIO
GOLD: 1° MUIA’ 2° CHESINI 3° LUCA LOSIO
SILVER: 1° MASSETTI 2° VENCATO 3° ORTENZI
BRONZE: 1° SLANZI 2° DESPERATI 3° MILANI

 

CLASSIFICA GENERALE – CATEGORIE – TEAM

In classifica generale, Paolo Muià (Racing ON3 Red), rimane ancora leader (111 punti), davanti al compagno di squadra Michele Chesini (Racing ON3 Red) che segue a quota 90 punti; dietro di loro, il duo Apex Racing Team Fornasiero (63p) e Sivilotti (59p) assenti ingiustificati in questo ROUND 4. Sale a ridosso della top ten Niko Pasolini (Delta Squadra Corse) con 39 punti. Nella categoria GOLD, il distacco tra Muià e Chesini è ridotto, solo 6 punti distacco e la lotta per il podio è aperta a 4 piloti (Sivilotti, Fistarol, Fornasiero e Pasolini). In categoria SILVER Ortenzi (Virtual Drivers Alliance) appaia in testa Vencato (Apex Motorsport) a quota 87 punti, più staccato Varriale (Elta Customs) con 60p (che paga già 3 zeri) deve guardarsi le spalle per tutelare il podio da Mazzei (Racing ON3 Black) e Ranza (BOX 33 Racing Team). In categoria BRONZE, Slanzi [Deko Motor Sport] (88p) stacca il duo Previtali [BOX 33 Racing Team] (69p) e Biasso [Deko Motor Sport Racing Team] (66p). Per quanto riguarda i team, possiamo quasi dare per già finito ogni tipo di lotta, lo 0 nel ROUND4 del Apex Racing Team a lanciato il Racing ON3 Red verso la conquista (a cui manca solo la matematica o un “cataclisma”) del titolo TEAM, che sembra davvero senza rivali.

Per questo ROUND4 #EUGT2018 è tutto, la prossima tappa sarà in est-europa sul tortuoso circuito del Hungaroring dove andrà in scena il ROUND5.

 

Your email address will not be published. Required fields are marked *