Terzo appuntamento con la eSports Endurance Series 2018 by E-Racing Series nello storico tracciato di Suzuka; si fa il bis di piste giapponesi in questo campionato subito dopo la 3h di Fuji (rillegi QUI il nostro recap). Riuscirà ad ottenere un’altra vittoria il team ReBorn Racers con il duo Arisi-Pizzo oppure verranno ostacolati dallo DriveGameSeat Racing Team? La categoria GTE invece ci darà un bel po’ di spettacolo e sportellate come lo scorso appuntamento?

Le qualifiche ci regalano davanti a tutti il team ReBorn Racers con alle spalle il Naja Racing Team ed a seguire il team ARMS. Pole di Lorenzo Arisi che ferma il cronometro sul 1:42.769 con un vantaggio su Salvatore Zitiello di cinque decimi.

Per la categoria GTE il più veloce è stato Guglielmo Occhipinti (Next Level Racing) su BMW con dietro di lui Balazs Kiss (SIMCO Endurance Team). Seguono Alessandro Puoti (Streetwise Scuderia Gtitalia) e Niky Lence (ReBorn Racers DIRT)  tutti raggruppati in sei decimi.

Giro lanciato e via! Partenza molto tranquilla per tutti i simdriver con la categoria LMP2 che ovviamente va già a distaccare la GTE. Prima curva molto pulita senza contatti, segnaliamo solo un leggero lungo di Sergio Mambretti (ARMS) il quale non perde nessuna posizione. Arisi si mette subito a martellare sul passo guadagnando metri sui diretti inseguitori giro dopo giro; dietro invece Mambretti rimane incollato alla scia di Zitiello pronto ad eventuali attacchi. Per la GTE invece Occhipinti prende già un bel margine mentre Lence finisce 19esimo (in classifica generale) perdendo 6 posizioni dal via. Fase delicata con i primi doppiati e derapate per Lorenzo De Ciutiis nel tentativo di rimanere vicino a Lorenzo Emili.

Dopo i primi 45 minuti senza troppe emozioni avvengono i primi pit per le vetture in testa alla categoria LMP2, infatti rientrano insieme ai box sia Arisi che il duo Zitiello-Mambretti. Allo scoccare della prima ora di gara e dopo i vari pit troviamo la classica così composta: per la LMP2 abbiamo Arisi (ReBorn Racers), Emili (DriveGameSeat), Zitiello (Naja Racing Team), De Ciutiis (Strato Racing), Mambretti (ARMS), Cestari (Handy Racing Team), Ricci (VENERDI 13) ed infine Caneo (BlueBolt Racing); categoria GTE invece guidata da Occhipinti (Next Level Racing) seguito da Michele Rizzo (Streetwise Scuderia Gtitalia) , Janos Hegyvari (SIMCO), Andrea Gandossi(Tomelli Racing Team), Nicky Lence (ReBorn Racers DIRT), Luca Pacini (Nitrous Oxide Racing), Lorenzo Caponi (3DRap Racing Team 2), Filippo Marazzi (3DRap Racing Team 1), Sigrif De Vito (DriveGameSeat Squadra Corse), Luca Fabbro (ARMS).

Risale metro dopo metro Zitiello fino ad accodarsi a Emili e preparare il sorpasso già dalla Spoon curve; sfrutta bene la scia e lo attacca all’interno della 130R. Avendo un passo migliore rispetto al pilota DGS riesce a guadagnare subito un vantaggio su di lui intorno ai 2 secondi. Errore di Mambretti alla Curva 8 che va sul ghiaione e sbatte il posteriore nel muretto; riparte senza l’ala posteriore con molte difficoltà ma riesce comunque a riportare la vettura ai box. Il ritardo inizia ad accumularsi anche per via della riparazione dei danni alla vettura.

Cambio piloti, soste e cambiamenti in classifica, siamo sulle 2 ore di gara e la classifica LMP2 recita Daniele Pizzo (ReBorn Racers), Luca D’Amelio (DriveGameSeat), Salvatore Zitiello (Naja Racing Team), Marco Mazzetti (Handy Racing Team), Sergio Mambretti (ARMS), Domenico Mallardo (Strato Racing), Matteo Ricci (VENERDI 13) e Mattia Grigolon (BlueBolt Racing). Per la GTE troviamo invece Michele Rizzo (Streetwise Scuderia Gtitalia), Patrik Bachrati (SIMCO), Gandossi (Tomelli Racing Team), Caponi (3DRap Racing Team 2), Lence (ReBorn Racers DIRT), Pacini (Nitrous Oxide Racing), Marazzi (3DRap Racing Team 1), De Vito (DriveGameSeat Squadra Corse) e Fabbro (ARMS).

Rimonta incredibile di Lence dopo le penalità di inizio gara e che ora è li pronto a giocarsi il podio con Pagani; ritiro di Tuffariello per via di un incidente con la LMP2 di Matteo Ricci dando uno scossone a quella che sarà poi la classifica GTE per la vittoria del campionato. Infatti il pilota Next Level Racing nono stante ai box non è riuscito a riparare i danni alla sua vettura. La rimonta di D’Amelio si stabilizza sui 10 secondi di distacco dal leader Pizzo e con un bel vantaggio di 11 secondi sul terzo (Mazzetti).

Ultima mezz’ora abbastanza tranquilla con il sole che tende a tramontare ed allungare le ombre sul circuito regalando uno spettacolo bellissimo; nella classifica generale invece nelle posizioni che contano non cambia nulla e Daniele Pizzo (ReBorn Racers) va a vincere la terza tappa del campionato eSports Endurance Series 2018. Secondo nella categoria LMP2 Luca D’Amelio (DriveGameSeat) e terzo,sul gradino più basso, Marco Mazzetti (Handy Racing Team).

Seguono Zitiello, Pennimpede, Sogni e Grigolon.

Anche per la categoria GTE non ci sono stati troppi ribaltamenti di posizioni con la vittoria che va a Michele Rizzo (Streetwise Scuderia Gtitalia), secondo Balazs Kiss (SIMCO) e terzo Nicola Pagani (Tomelli Racing Team).

Chiudono la classifica Nicky Lence, Ilaria Fin, Albino Guani, Sigrif De Vito, Luca Fabbro e Filippo Marazzi.

Questo è tutto da Suzuka, vi lascio con le classifiche aggiornate dopo il terzo round della eSports Endurance Series 2018 by E-Racing Series consultabili QUI

Your email address will not be published. Required fields are marked *