A Budapest il driver Racing On3 si conferma nemico n°1 del compagno di squadra per il titolo, superando per un punto Santoro, il quale è sempre poco più avanti di Muià prendendogli pochi punti.
Si vede finalmente un Ghepardino migliore: contende la vittoria in G1 a Chesini ma poi spreca di nuovo al pit in G2

Si è disputato all’Hungaroring il quinto round del Blancpain GT Series by e-RacingSeries.com.
Arriva la conferma di Michele Chesini che si intasca un’importantissima doppietta avvicinando ora a 9 lunghezze il compagno Muià e si guadagna intanto il 2ndo posto assoluto! Santoro riesce a rosicare qualcosa su Muià ma è poco così scende 3zo a -10 pti.
Dal canto suo il leader rossonero si difende alla grande sfondando i 100 pti in classifica (106 per ora) e raggiunge così i max 100kg di zavorra per i due rounds successivi, senza dimenticare il 3zo posto in qualifica!
Finalmente torna in alto un ottimo Ghepardino! Il piccolo grande di D2D ottiene un bel risultato centrando il secondo posto prima in qualifica e poi attaccatissimo a Chesini fino all’ultima curva di Gara 1! I biancorossi erano al top ma Massetti è finito fuori in Gara 1 compromettendo così anche la gara successiva.
Da segnalare nel gruppo un bel Pasquali; Daniele si porta a casa 2 podi, terzo e secondo, balzando al 4to posto assoluto ai danni di uno Scorpati mai in partita.
La nota negativa resta l’episodio del sorpasso rissa alle ultime curve di Gara 2 fra Ghepardino e Muià, uno spettacolo del quale si poteva benissimo fare a meno…

Ora la fase finale si fa calda; dopotutto Santoro è ancora lì, il peso può farsi sentire e vedremo se dietro Pasquali e Scorpati potranno dire la loro e farci arrivare a Spa con una situazione di classifica molto corta!

Missile in qualifica, Michele soffre il Ghepa in gara

QUALIFICHE  –  Pole Position  MICHELE CHESINI
Qualifyng Result – Rnd #5, Hungaroring
La qualifica ungherese parla chiaro: Chesini domina con un 1′ 44.857″ rifilando quasi 6 decimi a Ghepardino e Muià!
Questi due restano separati da soli 4 millesimi!
In seconda fila riesce ad inserirsi Pasquali; il driver Stealth Racing porta la prima Huracan dietro a 3 McLaren a +0.807″.
In terza fila, vicinissimi tra loro e a Pasquali, Massetti e Santoro.
La Porsche di Del Pero e la Huracan di Dos Santos prendono la 4ta fila e il distacco supera il secondo!
Chiudono la Top 10 di qualifica la R8 di Colombo a 1.1″ e la Mercedes AMG di Trapani a 1.2″.
Appena fuori dalla Top restano i due big GTWR Nesta e Scorpati che registrano un ritardo di 1.3″ e 1.4″!

Nonostante Michele Chesini avesse 60 kg di zavorra annichilisce gli avversari con pesanti distacchi in una pista tortuosa come l’Hungaroring, mostrando così tutto il suo valore e la dirompente volontà di far sue le gare!

Fino all’ultimo, di traverso, il cuore oltre il volante! Ghepardino

SPRINT RACE 1  –  Winner  MICHELE CHESINI
Sprint Race Result – Rnd #5, Hungaroring
In partenza della Sprint Race è Pasquali a fare show ma che rischio! guadagna subito la terza piazza con una staccatona alla prima curva infilando Muià e pure Ghepardino, provvisorio, ma è talmente lungo che il Ghepa si riprende in uscita la seconda posizione!
Il buon Paolo però nei primi giri va in difficoltà, sembra di rivederlo alle prime due gare, ma i 92 kg di zavorra a freddo si fan sentire; anche Massetti e Santoro riescono subito a passarlo e si creano due tandem ravvicinati: Santoro tampina Massetti mentre Del Pero sta molto vicino a Muià.
Intanto Chesini e Ghepardino prendono il largo incrementando fino alla fine ma il Ghepa non molla mai! Luca tenterà fino all’ultima curva di insidiare Michele, anche con un brivido, ma il driver Racing One porterà a casa la vittoria su un grande Ghepardino!
Intorno alla metà gara davanti si perde un protagonista, è Marco Massetti. Marco perde il controllo della sua 650S GT3 e va in testacoda perdendo molte posizioni! Il team D2D stava ben figurando con entrambi i piloti; questo errore porterà Massetti fuori dalla zona punti vanificando anche la Main Race 2.
Tutti i big dietro di lui ringraziano e guadagnano una posizione.

Ottimo Pasquali con 2 podi

Fra le due Lambo dello Stealth il divario si accorcia, Santoro si avvicina a Pasquali ma il podio è per quest’ultimo.
Nelle retrovie si crea un po’ di confusione quando nel gruppone centrale Pasolini va largo in curva 2 e pure Varriale lo segue; qualche posizione si scambia e si riprende a lottare.
La AMG di De Vita tocca la 488 di Giannone favorendo il ritorno della GT-R di Pasolini; quest’ultimo è autore poi di un gran sorpasso all’esterno di curva 1, traiettoria poi sempre favorita dall’interno della successiva.
Poi avviene un contatto dubbio fra la Mercedes di Paredi e la Ferrari di De Pasquale, coinvolgendo pure Pasolini e Varriale.
Intanto si accende una bella lotta per il decimo e ultimo posto a punti; prima Massetti e Trapani si passano più volte fino al contatto dove è Massetti ad averne la peggio e Trapani con la sua AMG riesce a conquistare un punto; poi Massetti se la vede con Giannone ma questa volta il contatto favorisce Massetti ma la sua rimonta lo porta solo 11mo.

E’ per Trapani la sfida all’ultimo punto e sarà meglio in Gara 2

Nella zona punti finiscono anche, dal basso, 9no uno Scorpati invischiato nella mischia, 8vo Dos Santos e 7mo Colombo con l’altra R8 GTWR dopo che nel primo giro lanciato Nesta è finito ko.
Del Pero, Muià, Santoro, Pasquali, Ghepardino e Chesini completano le posizioni dal sesto al vincitore.

 

 

 

 

Bel podio in G2 per Marcio Dos Santos

MAIN RACE 2  –  Winner  MICHELE CHESINI
Main Race Result – Rnd #5, Hungaroring
La Main Race all’Hungaroring parte dunque con Chesini su Ghepardino davanti alle due Huracan dello Stealth di Pasquali e Santoro e a Muià – Del Pero.
Con i primi 4 che mantengono le posizioni e con un Ghepardino sempre sul collo a Chesini, sono Muià e Del Pero a movimentare gli animi; i due si toccano subito dopo poche curve nel tentativo del pilota Porsche nel passare la McLaren già alla prima staccata! Muià soffre l’azione, va largo, e poi passano Del Pero e Colombo ma l’azione eroica la compie Dos Santos alle loro spalle! In un sol colpo passa i due, finendo anche largo detta tutta, ma conquista la 6ta posizione. Il driver su Huracan DriveIn Autosport Black riperderà poi però alcune posizioni dopo aver sfiorato il sorpasso a Del Pero.
Nelle retrovie fuori dalla Top 10 ingaggiano un duello Massetti e Giannone; il driver D2D passa la 488 del vFactor Racing ma poi i due si prendono e lì nasce della confusione. La DG manda in pista la Safety Car per 3 giri.

Il gruppo tarda a ricomporsi ma qui avviene purtroppo un misfatto di natura tecnica che condiziona la gara: la Porsche di Del Pero in pieno rettilineo esce teletrasportata dalla pista e riappare; Chesini se lo ritrova davanti, centra Del Pero che poi in fondo al dritto carambola su Santoro. Questo costerà il ritiro a Del Pero, il podio a Santoro e un finale amaro a Muià.

Scorpati salva la baracca per i GTWR

Dopo 3 giri la gara riparte e Ghepardino è ancora l’ombra di Chesini! Pasquali mantiene la terza posizione e Colombo risale in quarta.
Successivamente il Ghepa decide di uscire non trovando spazi su Chesini; anche qui fatto decisivo perché Luca per l’ennesima volta pasticcia col pit non trovando la piazzola e perde tantissimo tempo e posizioni poi al rientro!
Fatto che spiana la strada alla doppietta di Chesini che poi vincerà facile su un trio di Lambo Huracan, nell’ordine Pasquali, Dos Santos per il podio, Santoro quarto.
Il valzer dei pit stop ci concede una lotta nei bassifondi tra Santoro e Muià; il driver Stealth riesce poi a mettersi alle spalle dal rientro pit la R8 di Scorpati. Il driver GTWR, non al meglio qui in Ungheria, chiuderà poi alle spalle di Danilo al 5to posto.
La gara prosegue con gli ultimi drivers che ritardano il pit e un altro GTWR compie la frittata: è Wlady Colombo a tirare troppo la corda e il time out della finestra gli scocca proprio all’uscita della penultima curva, poco prima che entrasse. Squalifica istantanea per lui proprio mentre era al comando provvisorio!
Intanto il buon Trapani del DriveIn Autosport White su AMG GT3 prosegue la sua positiva performance ungherese nella top 10; progressivamente davanti a lui Muià si allontana mentre alle spalle lo stabile Pasolini deve dare strada all’arrembante Ghepardino. Poi i due ingaggiano un duello ai ferri corti per un giro circa, anche un po’ al limite della correttezza! Trapani tiene duro, i due si sportellano più volte ma alla fine il Ghepa arriva al 7mo posto con un Pasolini guardingo alle spalle della Mercedes.

Pasolini e Pischedda gli utimi della Top 10

Appunto Trapani su AMG, il miracoloso Pasolini su GT-R Prophecy e la 488 Wolf Racing di Pischedda saranno gli ultimi 3 ad andare a punti in Main Race.
Nel finale Santoro va in pressing su Dos Santos ma quest’ultimo non molla e merita un podio main!

Il fattaccio arriva alle ultimissime curve.
Ghepardino in rimonta raggiunge Muià, lo attacca all’interno della terz’ultima curva ma Paolo chiude e i due si prendono e nessuno alza il piede; nella curva successiva Muià ha l’interno ma Ghepa è davanti però il driver Racing On3 compie un azzardo entrando in pieno sulla McLaren biancorossa. Le posizioni restano quelle con Muià su Ghepardino ma qui ci sarà lavoro per la DG e il risultato finale potrebbe avere degli scossoni…

SITUAZIONE, 3 PILOTI IN 10 PUNTI
Dopo 5 rounds completati ora in testa al campionato resta sì Muià ma il vantaggio sul secondo è di 9 pti e si chiama Michele Chesini, il famoso scomodo compagno di squadra; 106 a 97 la situazione provvisoria fra i due drivers del Racing On3 2.
Santoro scende al 3zo posto con 96 mentre Pasquali e Scorpati, una ventina dietro, potrebbero dire la loro visto che hanno una ventina di kg in meno, senza dimenticare le buone prestazioni delle McLaren D2D e della Porsche di Del Pero, anch’essi papabili aghi di bilancia nei due prossimi rounds doppi che saranno il Ring Gp e da scegliere ancora il sostituto di Zolder.

Il prossimo appuntamento sarà dunque il 21 novembre sul tracciato del Ring GP.
Sarà davvero curioso ora vedere i 3 piombati là davanti come se la caveranno; come detto sopra altri avversari belli scarichi potranno dare fastidio e dire la loro.
Seguiteci sempre sul canale PitLaneTV e alla prox!

Gianpaolo Quadri per e-RacingSeries.com

 

 

Your email address will not be published. Required fields are marked *